ARTICLES         INTERVIEWS         VIDEOS         PHOTOS         FEATURES



domenica 23 ottobre 2011

The Noble Garden



Arcadia, paradiso perduto, luogo d’elezione di amori destinato al piacere. Il giardino, che nel Settecento era scenario privilegiato per sollecitare emozioni e racconti romanzeschi, diventa oggi teatro di mode e passioni.
Nell’appena trascorsa primavera-estate 2011, D&G ha imbandito un pic-nic all’aria aperta, con giovani dell’upper class deliziati da una primaverile déjeuner sur l’herbe. Ma per le stagioni a seguire sono propriamente i giardinieri, floricoltori e orticoltori, i proprietari terrieri o, più in generale, gli amanti della natura a sfoggiare il loro savoir-faire.
La salopette viene scelta da Junya Watanabe e Bespoken, che fanno intravedere un mondo rustico votato alla fatica e alla praticità, tuttavia segnato da un’inconfondibile eleganza di stampo inglese. Dello stesso ramo anche Jeremy Scott, che fa sbocciare un atletico garzone che solletica la pruderie dei benpensanti, come il genuino guardiacaccia ne L’amante di Lady Chatterley. Invece Thom Browne realizza una versione più dark della salopette, da scienziato steampunk. Attenti ad un sapere enciclopedico JW Anderson per Topman Lens e Marlon Gobel, che riportano una lussureggiante vegetazione sui tessuti. Stefano Ughetti per CAMO fa letteralmente dell’acqua e della natura del biellese la sua fonte d’ispirazione, con una fedeltà quasi fotografica. Infine Riccardo Tisci per Givenchy guarda ai tropici e viene sedotto dai petali della strelizia, pattern delle sue stampe.
Percorrendo medesimi sentieri, a settembre è stato pubblicato "Il giardino nobile”, edito da Electa con Acqua di Parma, 13 esempi d‘eccellenza che rappresentano il sinonimo del giardino italiano. E se vi mancano i ferri del mestiere, questa è la chiave per creare il vostro mondo incantato: www.princejardinier.com

Article: Leonardo Iuffrida
Translation: Alessandro Mancarella
Catwalks Photos: GQ.com

Arcadia, paradise lost, a place of loves destined to delight. The garden, which in the Eighteenth century was the favoured scenario to arouse emotions and fictional novels, becomes the current setting for new trends and passions.
D&G arranged an open-air picnic on its spring-summer 2011 catwalk, with upper class young men pleased in a vernal déjeuner sur l'herbe. But for the following seasons gardeners, flower growers, horticulturists, landowners and nature lovers are definitely the ones to show their savoir-faire.
Junya Watanabe and Bespoken choose overalls to show a rural world of hard work and pragmatism, maintaining a typical English sense of style. Jeremy Scott imagines an athletic boy with dungarees, against the rigours of bourgeois respectability, as the genuine gamekeeper in “Lady Chatterley’s Lover”. On the other hand Thom Browne renders a darker version of the overalls, ideal for a steampunk scientist. JW Anderson for Topman Lens and Marlon Gobel pay tribute to encyclopaedic knowledge, bringing back a flamboyant vegetation on fabrics. Stefano Ughetti for CAMO gets his inspiration from Biella’s nature and waters, with an almost photographic accuracy. Lastly Riccardo Tisci for Givenchy looks at the tropics and the paradise flower carries him away, becoming the central theme of his prints.
It could be useful to remember that in September Electa in collaboration with Acqua di Parma published “Noble Garden: Italian Landscape Design”, which is a book about 13 masterpieces able to embody the essence of Italian garden. And if you do not know how to start creating your own charming world, we have got a key for you: www.princejardinier.com


1 commento: