ARTICLES         INTERVIEWS         VIDEOS         PHOTOS         FEATURES



lunedì 24 novembre 2014

LOUIS VUITTON CELEBRATING MONOGRAM - FOCUS ON CINDY SHERMAN











Louis Vuitton celebra i 160 anni dalla fondazione della maison. Per farlo ha invitato 6 iconoclasti per interpretare liberamente quello che è diventato uno dei simboli per antonomasia del lusso: il monogram, motivo grafico creato nel 1896 da Georges Vuitton in onore al padre Louis.
E chi chiamare per questa occasione a rappresentare il mondo dell’arte? Anima ribelle, artista anti-convenzionale che ha fatto della denuncia e dell’ironia le sue armi. Chi se non lei? Cindy Sherman.
Nonostante usi il medium fotografico, non si considera una fotografa, ma un’artista performativa. Protagonista delle sue opere, porta all’estrema caricatura abiti e makeup, esplorando le diverse identità che le donne devono assumere nella nostra società. Il suo scopo è spiazzare attraverso il grottesco per porre delle domande sull’influenza che gli stereotipi hanno su di noi. Le sue immagini rappresentano la caduta dell’essere umano nell’utopica ricerca della bellezza e della perfezione. Sono le stesse messe in scena che ogni giorno donne e uomini costruiscono per strada attorno a sé indossando volti e maschere differenti, manipolando un corpo fluido in continua trasformazione, a seconda dei diktat delle mode. Sono le stesse messe in scena che tutti gli utenti di Facebook e Instagram cercano di creare attraverso le proprie identità virtuali. Perché al di là del ragionevole dubbio mosso dal possibile utilizzo di Photoshop e filtri ad hoc, la fotografia mantiene ancora quell’indiscutibile potere di certificazione della realtà che gli rimane connaturato. Così tutti finiamo per essere dei clown, venditori d’intrattenimento, in realtà figure tragiche vittime del nostro stesso ruolo.
Ma come entrare nella squadra di Cindy per svelare la realtà? L’artista ha progettato un baule Louis Vuitton con compartimenti per occhi e denti finti, insieme a tutto il necessario per le sue performance. Un vero e proprio piccolo studio fotografico viaggiante che porta l’impronta della sua vita. L’interno ha il colore delle piume del suo pappagallo, l’esterno è ricoperto di adesivi con alcune sue immagini rese ancora più bizzarre. E poi è arrivata l’idea di una tracolla per portare la macchina fotografica sempre con sé. Oggetti del desiderio in edizione limitata, fotografati in una storia creativa da Johnny Dufort. Oltre il prodotto, un invito di Vuitton alla ricerca di senso.
E per entrare in contatto con il mondo di Cindy Sherman e gli altri cinque iconoclasti, dal 27 al 30 Novembre a Palazzo Serbelloni a Milano si svolgerà una mostra dedicata ai creativi che hanno richiamato i temi e le ispirazioni originarie dei personaggi coinvolti nel progetto, utilizzando le borse e i bauli da loro ideati.

DISCOVER MORE
 on:
Louis Vuitton

Article: Leonardo Iuffrida
Photos: Johnny Dufort
Courtesy of Louis Vuitton


Louis Vuitton celebrates 160 years since the foundation of the maison, inviting six creative iconoclasts to glorify the monogram: the signature of Louis Vuitton, globally recognized as symbol of luxury, was created by Georges Vuitton in 1896 in honor of his late father.
Who is the most rebel exponent of the contemporary art system? The answer is Cindy Sherman. She is an unconventional artist who uses charges and irony as tools for her masterpieces.
She uses photography as medium, but she doesn’t consider herself a photographer, because she is a performer and the leading role of her works. She creates caricatures of women clothes and makeup, focusing on different female identities of our society. Her main aim is to shock through the weirdness and think about the influence of women stereotypes. Her photos show the human being’s fall who is looking for beauty and perfection. They are like the mise-en-scene created everyday by men and women who put masks on face, manipulating their shifting bodies depending on trends. They are like the mise-en-scene created everyday by users of Facebook and Instagram who try to build new virtual identities. Though the massive use of Photoshop and filters to manipulate the images, photography is a certification of reality yet. And in this way we are just clowns, sellers of entertainment, tragic characters, victims of our role.
But how could we join Cindy Sherman’s team to unveil the reality? The artist designed a trunk, with compartments for fake eyeballs, fake teeth and the stuff for her performances. It’a real mini-traveling studio, with her personal touch. The interior has the color of her parrot and outside there are a lot of her images as stickers, but they make them more bizarre. And then a camera bag has arrived as a normal consequence. These objects of desire in limited edition were photographed and reinterpreted by Johnny Dufort in a spectacular editorial. Beyond the products, Louis Vuitton gives us an invitation to search awareness.
Do you want to enter into Cindy Sherman’s world and the other 5 iconoclasts? Visit the exhibition from 27th to 30th of November at Palazzo Sorbelloni in Milan.






domenica 23 novembre 2014

GYMNASIUM - HOW TO GET A PERFECT BODY - FITNESS TIPS FOR MEN - ANTONIO HOROWITZ - CONSIGLI PER UN CORPO PERFETTO




WEEKLY TIPS FROM AMATEUR ATHLETES AND PROFESSIONAL SPORTSMEN

ANTONIO HOROWITZ

ANNI: 31
ALTEZZA: 185 cm
PESO: 90 kg
PROFESSIONE: associato in uno studio legale
FACEBOOK PROFILE: antonio.lombardowitz


CHE SPORT PRATICHI?
Mi alleno in palestra e faccio jogging. In passato giocavo a pallavolo.

QUANTI GIORNI ALLA SETTIMANA TI ALLENI E PER QUANTE ORE?
Sei giorni alla settimana per due ore al giorno, ad eccezione della domenica.

QUANDO HAI INIZIATO?
7 anni fa.

QUAL È IL TUO REGIME ALIMENTARE?
Molte proteine vegetali e pochi carboidrati. Rinuncio volentieri ai dolci, ma non alla pizza che mangio una volta a settimana nel mio giorno libero.

HAI UNA FASCIA ORARIA CHE PREFERISCI PER ALLENARTI?
Dalle 19 alle 21.

QUALE SUGGERIMENTO DARESTI AI MIEI LETTORI?
Allenarsi divertendosi senza fissarsi sugli obiettivi e sacrificando la salute.



AGE: 31
HEIGHT: 185 cm
WEIGHT: 90 kg
JOB: associate attorney
FACEBOOK PROFILE: antonio.lombardowitz

WHAT KIND OF SPORT DO YOU PLAY?
Bodybuilding and jogging. I played volleyball in the past.

HOW MANY DAYS A WEEK AND HOW MANY HOURS DO YOU TRAIN?
6 days a week (exept sunday) for two hours.

HOW LONG HAVE YOU BEEN TRAINING?
7 years.

WHAT IS YOUR EATING STYLE?
I prefer vegetable proteins. I avoid too many carbohydrates and sweets, but I eat pizza when I have my one free day a week.

DO YOU HAVE A FAVORITE TIME ZONE TO TRAIN?
From 7 p.m. to 9 p.m.

WHAT ARE THE ADVICE THAT YOU WANT TO GIVE TO MY READERS?
Try to enjoy your fitness programm with joy and fun, protecting your health condition, without being too focused on goals.


sabato 22 novembre 2014

LOUIS VUITTON SPRING/SUMMER 2015 - A PRIVATE VIEW






















Vi accompagno a fare una visita privata nello showroom Louis Vuitton.
Un'anteprima della collezione primavera estate che troveremo il prossimo anno nei negozi.
Si respira profumo d'Oriente. E' l'India la fonte d'ispirazione di Kim Jones, designer che firma la linea maschile di Vuitton.
Nuance brillanti e sgargianti insieme a quelle della terra, ricami per le camicie, sete pregiate anche per i capi più sportivi, morbidissima pelle color curcuma per l'impermeabile. Abiti e accessori da scoprire al tatto e di cui inebriarsi con la vista, come accade in un negozio di spezie.
Ma il piacere della scoperta non finisce qui. La collezione della pelletteria si arricchisce della possibilità di personalizzare finalmente anche la storica tela damier graphite. Per firmare per sempre la storia del proprio viaggio.


I’ll present the show-room of Louis Vuitton to you.
It’s a private view, a preview of the spring-summer 2015 collection that we’ll find in the Louis Vuitton stores the next year.
We can smell fragrances from East. Kim Jones, designer of Louis Vuitton menswear collection, choose India as his source of inspiration.
Bright colors and tones from earth, embroidery for shirts, refined silk for sport clothes, soft leather in a wonderful turmeric nuance for the raincoat. They are items of clothing and accessories to discover and enjoy with touch and sight, like in a spice shop.
But the discovery is endless. Now you can personalize the classic damier graphite with your style. It’s time to put your signature on your journey.


Article, Photos & Video
by Leonardo Iuffrida













giovedì 20 novembre 2014

NEIL BARRETT LIGHTNING BOLT STYLE - FALL WINTER 2014-15 - AUTUNNO-INVERNO 2014-15




Viviamo in un mondo iperconnesso. Grazie al web, siamo poli di un sistema in continua comunicazione, ripetitori e parabole di flussi d’immagini e parole, di energia che non dorme mai. Siamo nodi di una rete espansa e ramificata, creata da elettricità e derivati.
Neil Barrett capta la forza generatrice del nostro presente e per questo inverno ci veste di fulmini e saette, di energia elettrica allo stato puro, di quelle stesse onde e frequenze che attraverso protesi tecnologiche ci uniscono in tribù accumunate da medesimi desideri e interessi.
Un elettroshock di stile che sembra trasformare in totem grafico le ricerche artistiche di artisti come Walter De Maria, Michael Heizer e Joseph Beuys, che primi fra tutti, fra gli anni sessanta e settanta, compresero che saremmo tutti divenuti conduttori di comunicazione istantanea.

We are living in a hyperconnected world. Through the web, we are poles of a system that communicates continuously. We are repeaters and satellite dishes that broadcast streams of images and words. We are hubs of an expanded network. The source is electricity.
Neil Barrett intercepted the power generator of our present and this winter he gives us clothes with lightning bolts, the epitome of high-frequency waves and new technologies that link us in tribes with the same interests and desires.
This electroshock of style turns the school of thought of artists like Walter De Maria, Michael Heizer and Joseph Beuys, the first ones that between the sixties and the seventies understood that we would have become conductors of instantaneous communication, into a wonderful graphic totem.



mercoledì 12 novembre 2014

GYMNASIUM - HOW TO GET A PERFECT BODY - FITNESS TIPS FOR MEN - MATTEO CREPAX - CONSIGLI PER UN CORPO PERFETTO






WEEKLY TIPS FROM AMATEUR ATHLETES AND PROFESSIONAL SPORTSMEN

MATTEO CREPAX

ANNI: 26
ALTEZZA: 1,76 cm
PESO: 85 Kg
PROFESSIONE: studente/trainer
FACEBOOK PROFILE: matteo.cresta
INSTAGRAM: crepax83


CHE SPORT PRATICHI E CHE TIPO DI ALLENAMENTO SEGUI?
Ginnastica artistica e bodyfitness.

QUANTI GIORNI ALLA SETTIMANA TI ALLENI E PER QUANTE ORE?
6 volte alla settimana per 40-45 minuti ogni seduta.

QUANDO HAI INIZIATO?
Quando avevo 19 anni.

QUAL È IL TUO REGIME ALIMENTARE?
Una dieta regolare, principalmente iperproteica.

HAI UNA FASCIA ORARIA CHE PREFERISCI PER ALLENARTI?
Al mattino, perché sono più carico.

QUALE SUGGERIMENTO DARESTI A CHI VORREBBE INIZIARE UN PERCORSO DI ALLENAMENTO?
Affidarsi sempre ai professionisti del settore.

COSA CONSIGLIERESTI PER MIGLIORARE FORZA FISICA E MASSA MUSCOLARE A CHI PRATICA SPORT GIÁ DA QUALCHE ANNO?
Alimentazione corretta e costanza, tenendo presente che il fattore genetico influisce all'80% su altezza e massa muscolare.



AGE: 26
HEIGHT: 1,76 cm
WEIGHT: 85 kg
JOB: student/trainer
FACEBOOK PROFILE: matteo.cresta
INSTAGRAM: crepax83


WHAT KIND OF SPORT DO YOU PLAY? DO YOU HAVE A SPECIFIC WAY OF TRAINING?
Artistic gymnastic and bodyfitness.

HOW MANY DAYS A WEEK AND HOW MANY HOURS DO YOU TRAIN?
6 days a week for 40/45 minutes.

HOW LONG HAVE YOU BEEN TRAINING?
I've been training since I was 19 years old.

WHAT IS YOUR EATING STYLE?
I'm on a high-protein diet.

DO YOU HAVE A FAVORITE TIME ZONE TO TRAIN?
I have more energy early in the morning.

WHAT ARE THE ADVICE THAT YOU WANT TO GIVE TO MY READERS WHO WANT TO START A FITNESS PROGRAM?
Follow a professional trainer's lead.

WHAT ARE THE TIPS FOR MORE ADVANCED SPORTSMEN TO IMPROVE STRENGHT AND MUSCLE MASS?
The basic rules are a well-balanced diet and perseverance. And don't forget that 80% of height and mass depends on your genetic structure.