ARTICLES         INTERVIEWS         VIDEOS         PHOTOS         FEATURES



martedì 26 novembre 2013

Downton Abbey Style for Men - Lo stile degli uomini di Downton Abbey


La pluripremiata serie televisiva angloamericana Downton Abbey va in onda sul canale della moda.
Ad invitarci nell’antica dimora della famiglia Crawley, a cavallo tra i fasti dell’aristocrazia inglese dell’età edoardiana e i ruggenti anni venti, sono Alexander McQueen, Alexis Mabille e Berluti. Tra scale scricchiolanti, biblioteche di legni preziosi e crepitanti camini accesi, quello che si mette a fuoco è un complesso periodo, segnato dal declino del benessere delle classi dominanti ed una crescente consapevolezza dei propri diritti da parte delle fasce più povere delle società. A prevalere sono il bianco ed il nero, parte della divisa dei domestici ma anche dell’abito da sera degli uomini inglesi più facoltosi, composta da giacca da frac, gilet e papillon. Per entrambe le classi l’eleganza maschile è una questione legata al senso della misura e della sobrietà che deriva dalla lezione impartita dalla precedente età vittoriana.
Che questo immaginario sia sceso in passerella per identificazione ad un’epoca travagliata e piena di sconvolgimenti così vicina alla nostra? Che sia l’influenza del dolce profumo della nostalgia a catturarci in un tempo lontano ma abbastanza vicino da crederlo ancora reale? Forse è la reazione ad un presente così vacuo e sterile, risposta del più romantico, spontaneo e velleitario desiderio di credere ancora in qualcosa, in valori e ideali, impregnati di rabbia, amore e sentimento.
Se anche voi amate Downton Abbey,
vi consigliamo “Ai piani bassi” di Margaret Powell
e “Lady Almina e la vera storia di Downton Abbey”
di Lady Fiona Carnarvon.

Article: Leonardo Iuffrida
Translation: Alessandro Mancarella

The multi-award winning British television series Downton Abbey shows its fashionable side.
Alexander McQueen, Alexis Mabille and Berluti invite us to Crawley family’s ancient abode, at the beginning of the twentieth century between the Edwardian era and the roaring twenties. Among creaky staircases, wooden bookcases and crackling fireplaces, a complex period appears, marked by the decline of the dominant classes’ well-being and a growing awareness of the lowest social classes’ rights. The dominant colours are black and white, both parts of the servants’ uniform, but also of the evening dress of the wealthy English men, composed by tailcoat, waistcoat and bowtie. What is shared between the two categories is the sense of male style as a matter related to the moderation and sobriety, following the lesson given by the previous Victorian age.
Does this imaginary, seen on the recent catwalks, identify a troubled and shocking period similar to the current one? Is the influence of a sweet nostalgia to capture us in a close but yet so far time to believe it real? Maybe this is the reaction to a slick and fruitless present, a reply to a romantic, spontaneous and fanciful desire to believe in something, in values and ideals, permeated of fury, love and feelings.

6 commenti:

  1. Mi piace molto molto il tuo articolo, completo di consigli bibliografici per un approfondimento!

    RispondiElimina